TEATRO UTILE 2018

BANDO TEATRO UTILE 2018

Il progetto di formazione Teatro Utile 2018, promosso dall’Accademia dei Filodrammatici di Milano, è alla sua 6°edizione e quest’anno intende concentrare la propria attenzione sulla scrittura: giornalistica, drammaturgica, autobiografica.

I temi che uniranno queste differenti forme di scrittura saranno, come negli anni precedenti, la migrazione e la multiculturalità.
Possono inviare la propria candidatura drammaturghi, registi, attori, giornalisti e operatori sociali. La scadenza del Bando è il 15 febbraio 2018.
Gli allievi, scelti da un’apposita commissione, saranno poi suddivisi in tre gruppi di lavoro di 6/10 elementi l’uno e i laboratori si focalizzeranno ognuno su un tipo differente di scrittura: autobiografica, giornalistica, drammaturgica.
La durata del percorso, che si snoderà attraverso i tre laboratori, andrà da febbraio a maggio 2018.
A conclusione di ogni laboratorio sarà presentato al pubblico, con ingresso gratuito e a inviti, un reading dei testi scritti dagli allievi e recitati da alcuni attori.

I docenti saranno Gabriella Grasso, Livia Grossi e Renato Gabrielli, coadiuvati e coordinati dalla docente responsabile del progetto Tiziana Bergamaschi.

Primo laboratorio: La scrittura autobiografica è un luogo d’incontro

2-3-4 marzo 2018, dalle ore 14 alle ore 18

4-5-6 maggio 2018, dalle ore 14 alle ore 18

Inoltre nei mesi di marzo e aprile sono programmati cinque incontri di tre ore l’uno per sperimentare la scrittura autobiografica con dei gruppi di migranti (date da stabilire)

Il gruppo che parteciperà al laboratorio sulla scrittura autobiografica, condotto da Gabriella Grasso, esperta in Metodologie Autobiografiche, sarà formato da sei/otto partecipanti.

Questo Laboratorio ha come scopo quello d’insegnare agli allievi le tecniche della scrittura autobiografica, al fine di fornir loro gli strumenti base per comprendere il senso di questa metodologia e poter dare un contributo concreto alla realizzazione dei successivi laboratori che svolgeranno con i migranti.

Secondo laboratorio: Quando mi sono sentito “L’Altro” – Storie di quotidiana diversità

16-17-18 marzo 2018, dalle ore 14 alle ore 20

20-21-22 aprile 2018 dalle ore 14 alle ore 20

Nella settimana dal 19 al 25 marzo si realizzeranno delle interviste con migranti (date da stabilire).

Numero partecipanti sei/otto.

Il laboratorio, condotto dalla docente e giornalista Livia Grossi, è strutturato in due fasi:

  • Il lavoro di studio, analisi e scrittura raccoglie in questa prima fase le storie personali dei partecipanti. Questo processo avviene attraverso la condivisione con il gruppo delle proprie storie, che devono rispondere al tema: quando mi sono sentito l’Altro. Il gruppo ascolta e raccoglie storie di quotidiana diversità vissute personalmente o di cui si è stati testimoni.
  • I partecipanti al laboratorio, superata la prima fase, escono a raccogliere storie presso le

diverse comunità di Migranti presenti in città. La docente segue e guida il processo d’incontro e raccolta delle storie.  Anche in questo caso le testimonianze vengono rielaborate e diventano un’altra pagina del giornale parlato.

Terzo laboratorio: L’amplificazione della paura tramite fake news

Dal 7 maggio al 13 maggio 2018 dalle ore 10 alle ore 18.

Laboratorio di drammaturgia condotto da Renato Gabrielli.

Numero partecipanti 6  giovani autori italiani e stranieri.

L’obiettivo del laboratorio è portare gli allievi a scrivere dei “falsodrammi” di circa 10 minuti l’uno, attingendo ad un data base di fake news (false notizie) intorno al tema degli stranieri immigrati.

Il docente li guiderà nella drammatizzazione delle false notizie secondo modalità che attingono al genere horror e che lavorano sull’amplificazione della paura.

Questi brevi testi non saranno indirizzati a una rappresentazione scenica tradizionale, ma a un reading di stampo teatral-radiofonico. Saranno scritti con l’obiettivo di creare, attraverso le voci e gli effetti sonori, un’irragionevole sensazione di angoscia, così come talvolta accade in internet, quando si gonfiano “bolle” in cui la paura del diverso viene amplificata.

VAI AL BANDO TEATRO UTILE 2018