Grammatica dell'azione

Obiettivo del corso è l'acquisizione di una grammatica di base dell'agire in scena che permetta all'allievo di razionalizzare il proprio processo creativo e tradurre pensiero ed obbiettivi in azioni efficaci e leggibili.

Utilizzeremo alcuni esercizi prettamente fisici per costruire un vocabolario comune e individuare quelle architetture di tensioni che caratterizzano il nostro strumento limitandone l'espressività.

Attraverso un'applicazione costante ogni allievo avrà la possibilità di lavorare sul proprio corpo al fine di acquisire una sempre maggior fiducia e consapevolezza; i dettagli tecnici in questo senso non saranno mai obiettivo formale ma sempre strumento/mezzo per verificare 'ciò che ci impedisce di', in sintesi il processo sarà sempre privilegiato rispetto al risultato.

Contemporaneamente analizzeremo e focalizzeremo grossa parte delle nostre energie sulla scrittura: la volontà è di riuscire a leggere e organizzare un'azione in scena pensandola per parole/azioni che abbiano un chiaro inizio, uno sviluppo e una fine, prestando solo in un secondo momento particolare attenzione alla punteggiatura.

Acquisito un minimo di vocabolario cercheremo una traduzione e un'applicazione dello stesso nell'improvvisazione alternando momenti maggiormente strutturati ad altri di maggiore libertà.

Particolare attenzione sarà data all'ascolto -inteso come capacità di reagire ad una determinata azione fisica o verbale – e alla funzione drammatica della propria posizione in scena relativamente ai propri compagni.

Cividati

©Ugo Bassi